Gazebo e pergolato per piante rampicanti: basta la SCIA?

  • – 4 marzo 2021

Gazebo e pergolato per piante rampicanti: basta la SCIA?

TAR Campania, Salerno, sez. II, sent. 26 febbraio 2021, n. 504

Il pergolato, che può fungere da sostegno per piante rampicanti, attraverso le quali realizzare riparo e ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni, è assentibile con SCIA

Per ciò che concerne le opere esterne, quali i pergolati, la giurisprudenza ritiene che siano assentibili con SCIA e con CILA, sulla base della ricostruzione per cui, in linea di principio, il pergolato in ferro sia una struttura pertinenziale, meramente ornamentale, che, per la sua configurazione strutturale e funzionale, non incide sul carico urbanistico, non comportando aumento volumetrico o di superfici utili (TAR Salerno, Sez. II, 11.06.2019, n. 976; Cons. Stato, Sez. VI, 08.05.2018, n. 2743; TAR Napoli, Sez. II, 07.09.2018, n. 5424).

Il pergolato, che può fungere da sostegno per piante rampicanti, attraverso le quali realizzare riparo e ombreggiatura di superfici di modeste dimensioni, è assentibile con SCIA (TAR Salerno, Sez. II, 08.07.2020, n. 851 e, per definizione, va distinto da altre opere variamente rilevanti sotto il profilo urbanistico:

1) il gazebo, quale una struttura leggera, non aderente ad altro immobile, coperta nella parte superiore ed aperta ai lati, realizzata con una struttura portante in ferro battuto, in alluminio o in legno strutturale, talvolta chiuso ai lati da tende facilmente rimuovibili, che può essere realizzato sia come struttura temporanea, sia in modo permanente per la migliore fruibilità di spazi aperti come giardini o ampi terrazzi;

2) la veranda, realizzabile su balconi, terrazzi, attici o giardini, è caratterizzata da ampie superfici vetrate che all’occorrenza si aprono tramite finestre scorrevoli o a libro con la conseguenza che essa, dal punto di vista edilizio, determina un aumento della volumetria dell’edificio e una modifica della sua sagoma e necessita quindi del permesso di costruire (TAR Pescara, Sez. I, 04.10.2019, n. 233).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...