Bonus casa 2022: addio cessione credito e sconto in fattura

30 Ottobre 2021 Autore: Carlos Arija Garcia

Da gennaio, le alternative alla classica detrazione nel 730 resteranno solo per il superbonus. Cosa cambia e quali le possibili conseguenze.

Se ne salva solo uno: il superbonus 110%. Per tutti gli altri bonus legati alla casa, ci si dovrà rassegnare: sarà possibile recuperare una parte delle spese solo attraverso la dichiarazione dei redditi, con la classica detrazione fiscale spalmata in più anni. Cessione del credito d’imposta e sconto in fattura spariscono dalla circolazione se non per l’agevolazione più elevata, quella, appunto, energetica del 110%.

La svolta è contenuta nella manovra 2022 approvata recentemente dal Governo. E questo vuol dire che chi vuole sfruttare queste alternative alla solita detrazione ed è già in ballo con i lavori di ristrutturazione o è in procinto di avviarli dovrà fare i pagamenti entro la fine del 2021.

Come resta, dunque, il quadro della situazione dei bonus casa, in attesa che il Parlamento confermi la manovra? Il superbonus 110% per i lavori di efficientamento energetico degli edifici resta «il re» delle agevolazioni, anche se azzoppato dal 1° gennaio 2022. Villette unifamiliari ed edifici che contengono fino a quattro unità immobiliari dovranno dire addio alla maxi-detrazione da quella data, a meno che il titolare dell’agevolazione abbia un Isee inferiore a 25mila euro e che i lavori riguardano la prima casa.

Va ricordato, inoltre, che la percentuale del 110% resterà per tutti gli altri edifici fino al 2023, dopodiché comincerà a scendere: 70% nel 2024 e 65% nel 2025, quando il superbonus non sarà più «super» ma garantirà una detrazione pari a quella di qualsiasi altro ecobonus.

Solo questo per questo tipo di beneficio, come detto, sarà possibile continuare a optare per la detrazione classica nella dichiarazione dei redditi, per lo sconto in fattura o per la cessione del credito d’imposta.

Tutti gli altri bonus casa perderanno questa opportunità da gennaio 2022. Il che non rappresenta solo una questione di scelte su come recuperare una parte della spesa ma anche sul fatto di avviare o meno i lavori: chi non ha la disponibilità oppure èPubblicitànull

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...